Relazione del Presidente ANFIDU

Roma (21 ottobre 2021).

Relazione del Presidente al primo convegno ANFIDU.

Convegno LA FILIERA PSICHIATRICA IN ITALIA: Relazione del Presidente

Ringraziamo tutti gli ospiti, rappresentanti delle associazioni e relatori, che sono intervenuti.

Fabiola Pasin, Responsabile del CCDU per Friuli e Veneto Orientale che si impegna da anni per i diritti di bambini e famiglie.

Ernesto Emanuele Presidente Papà Separati APS – Milano che da anni lotta per i diritti delle famiglie e recentemente è stato premiato con l’Ambrogino d’Oro.

Marco Rolfini, Presidente dell’Associazione ANCoRE che fa parte del Tavolo di lavoro “Per i minori dai diritti negati”.

Cristian Vacca, Blogger di CARI FIGLI MIEI, un papà che si batte per i suoi figli ma anche per tutti gli altri bambini.

Tra i relatori, tutti noti difensori dei diritti dei bambini e delle famiglie:

L’Avvocato Simona Donati, recentemente nominata consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli Affidi.

L’Avvocato Francesco Morcavallo, già giudice del Tribunale per i Minorenni di bologna e anche lui consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli Affidi.

Il Dottor Francesco Miraglia, impegnato da molti anni nella tutela dei bambini e delle famiglie su cui ha scritto molti libri.

E la Professoressa Vincenza Palmieri che con i suoi scritti e le sue battaglie rappresenta per noi una fonte di ispirazione continua.

Era con noi anche il Garante per l’Infanzia della Regione Abruzzo, dott.ssa Maria Concetta Falivene. La dottoressa Falivene sta facendo molto per aiutare i bambini e le famiglie sia a livello regionale che nazionale. La sua presenza al nostro convegno è stata un grande onore per la nostra Associazione.

L’Associazione persegue la finalità sociale consistente nella promozione della conoscenza e dell’attuazione dei diritti umani, con particolare riferimento ai diritti delle famiglie all’assistenza sociale, al diritto alla prevenzione di ogni forma di abuso, prevaricazione, discriminazione o violenza, anche attuata mediante interventi autoritativi non dovuti e indebitamente sostitutivi di quelli assistenziali.

Promuove altresì la diffusione di buone pratiche, soluzioni e iniziative che sostengano e favoriscano l’attuazione dei diritti fondamentali delle famiglie e dei minorenni nell’ambito delle diverse realtà territoriali e anche mediante l’apprestamento di sostegno in specifici casi, segnatamente attraverso l’indicazione dei percorsi legali e assistenziali che possano risultare utili agli interessati e l’indicazione delle tipologie di professionisti a cui possano rivolgersi per conseguire l’effettiva tutela dei propri diritti fondamentali e la salvaguardia delle proprie condizioni di libertà e dignità.

La nostra Associazione raccoglie le esperienze e le storie di persone che da anni perseguono queste finalità. Per questo abbiamo sostenuto in un comunicato che l’ANFIDU è un’associazione piccola ma già grande.

Ci tengo a precisare che le persone che intervengono stasera non fanno parte della nostra Associazione. Tuttavia, crediamo di condividere con loro una sensibilità comune.

Come nasce la nostra Associazione?

In Italia esiste da decenni una sorta di “sistema” che produce abusi e violazioni dei diritti dei bambini e delle famiglie. Questo fenomeno è stato descritto e definito scientificamente per la prima volta dalla Professoressa Vincenza Palmieri nel corso della conferenza di Pordenone Bambini allo sbaraglio, bambini bersaglio del gennaio del 2018, con il termine: Filiera Psichiatrica.

Faccio un accenno, necessariamente superficiale e insufficiente per motivi di tempo, alle nostre radici.

Le radici culturali della nostra Associazione si collocano nell’alveo della Riforma Basaglia che nel 1978 ha portato alla chiusura dei manicomi e generato un grande entusiasmo per una cultura dell’aiuto alle famiglie e alle persone fragili. Una cultura che è stata tradita.

Ed è proprio dalla consapevolezza di questo “aiuto tradito” che nasce la necessità di ripristinare gli scopi originali della Riforma.

Ci tengo a ricordare un Convegno organizzato dall’Assessore alle Politiche Sociali di un piccolo paesino del Trentino nel gennaio del 2013. Tra i relatori l’Avvocato Francesco Morcavallo, il dottor Francesco Miraglia e la Professoressa Vincenza Palmieri.

Questo convegno è stato l’antesignano dell’innovativo format Bambini allo sbaraglio, bambini bersaglio che nasce prima di Bibbiano, e che ha prodotto molti cambiamenti culturali positivi.

In seguito, nel 2020, dopo la pubblicazione del libro sulla Filiera Psichiatrica, è nata l’esperienza delle Famiglie Unite contro la Filiera Psichiatrica al fine di riunire il Popolo dei Diritti Umani. Molte associazioni, famiglie e cittadini si sono uniti in questa battaglia comune.

Il 4 luglio 2021 abbiamo sentito il bisogno di istituzionalizzare queste realtà affinché i nostri scopi trovassero uno sbocco concreto ed efficace.

E abbiamo dato vita all’ANFIDU.

La nostra storia è descritta graficamente nella locandina del convegno di oggi.

Che cosa ci proponiamo?

Nella locandina abbiamo pubblicato anche l’hashtag “Bambini e Famiglie #aiutiamoliacasaloro”.

Questo hashtag è stato lanciato dalla Professoressa Palmieri nella manifestazione di Bibbiano del 18 luglio 2020 assieme all’hashtag #chiudiamoimanicomiperbambini.

Riteniamo che per far cessare gli abusi e le violazioni della Filiera Psichiatrica sia indispensabile chiudere le strutture perché nel momento in cui ci sono posti disponibili questi devono essere riempiti. Questi sono i nostri scopi nell’immediato.

Associazione Nazionale Famiglie Insieme per i Diritti Umani

Locandina Convegno ANFIDU 21 ottobre 2021