Al momento stai visualizzando Per il Diritto dei Bambini alla Propria Famiglia
Piemonte Diritto di Crescere IN Famiglia

Per il Diritto dei Bambini alla Propria Famiglia

Per i bambini italiani

Autorità di Tutela dei Minori

Ecc.mo Presidente del Consiglio dei Ministri
On. Mario Draghi
presidente@pec.governo.it

Ecc.mo Presidente del Senato della Repubblica
Sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati
SegreteriaGabinettoPresidente@senato.it

Ecc.mo Presidente della Camera dei Deputati
On. Roberto Fico
roberto.fico@camera.it
fico_r@camera.it

Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare per l'Infanzia e l'Adolescenza
Sen. Ronzulli Licia
com.infanzia@camera.it

Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere
Sen. Valente Valeria
commissione.femminicidio@senato.it

Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori
On. Cavandoli Laura
com.affidominori@camera.it

Spett.le Garante Infanzia e Adolescenza Nazionale
Dott.ssa Carla Garlatti
segreteria@garanteinfanzia.org

Spett.li Garanti Infanzia e Adolescenza Regionali
garanteinfanziaeadolescenza@consiglio.regione.lombardia.it
garante.infanzia@crabruzzo.it
garante.infanzia@cr.piemonte.it

Spett.le Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza
cnda@minori.gov.it

DIRITTO DEI BAMBINI ALLA PROPRIA FAMIGLIA

Visto

  • l'intervento fattivo della Garante Abruzzo Falivene per la proposta di legge nazionale istitutiva dell’Ispettorato delle Funzioni Sociali mirata a vigilanza e controllo in materia di affidamento, idoneità genitoriale e collocamento dei minori nelle strutture di accoglienza, in modo tale da consentire una adeguata funzione di protezione dei minori da parte dello Stato;
    Vista
  • la recente costituzione della Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori;
    Visti
  • Gli articoli 88 cpc e 50 del Codice Deontologico Forense;
  • Il Codice Deontologico dell'Ordine Assistenti Sociali;
  • Il Codice Deontologico dell'Ordine degli Psicologi Italiani;
  • Il Codice Deontologico dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri;
    Viste
  • le notizie di segnalazioni inviate ai suddetti Ordini;
  • le notizie di segnalazioni inviate alle Commissioni Parlamentari Infanzia Adolescenza, Femminicidio e di Inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori;
  • le notizie di denunce ed esposti presso le Procure della Repubblica;
  • le segnalazioni di pratiche dilatorie che influiscono sul Procedimento Civile e Penale;
  • l’impoverimento delle risorse familiari in conseguenza di malpractice diffusa e conosciuta;
  • l'impatto sociale, emotivo, economico di proporzioni inaccettabili ed irreversibili;
  • le segnalazioni di diverse figure professionali in conflitto di interesse in maniera diretta o trasversale;
    Visto
  • Il Programma P.I.P.P.I. di Intervento per la Prevenzione dell’Istituzionalizzazione;
    Visto
  • Il Progetto Aiutiamo i Bambini e le Famiglie a Casa Loro #aiutiamoliacasaloro;
    Vista
  • la Legge 77/2003 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sull'esercizio dei diritti dei fanciulli;
    Viste e considerate
    le indicibili sofferenze unite a maltrattamenti psicofisici patiti e subiti dal minore in seguito agli allontanamenti e collocamenti etero-familiari strumentali ed evitabili;
    il sottoscritto in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

CHIEDE

Quali azioni e misure di contrasto, le Istituzioni preposte alla TUTELA e GARANZIA del MINORE, intendono sviluppare per arginare e sopprimere l’eventuale POSSIBILITÀ da parte di alcuni:
PSICOLOGI, PSICHIATRI e altri professionisti nel ruolo GIUDICI ONORARI,
PSICOLOGI, PSICHIATRI e altri professionisti nel ruolo di CTU e CTP,
PSICHIATRI che si occupano di minori,
PSICOLOGI che si occupano di minori,
AVVOCATI,
SERVIZI SOCIALI,
COORDINATORI ed EDUCATORI di COMUNITÀ
di ricorrere al FALSO, STRUMENTALE ed IDEOLOGICO, e al FALSO per INDUZIONE, laddove contenuto in atti, ricorsi, memorie, dichiarazioni e relazioni, indirizzate al Tribunale nelle questioni separative, di affido, di collocamento e di tutela dei minori.

Ringraziando per l'attenzione, porgo cordiali saluti.

%%la tua firma%%

152 firme

Condividi con i tuoi amici:

   

Ecc.mo Presidente del Consiglio dei Ministri
On. Mario Draghi
presidente@pec.governo.it

Ecc.mo Presidente del Senato della Repubblica
Sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati
SegreteriaGabinettoPresidente@senato.it

Ecc.mo Presidente della Camera dei Deputati
On. Roberto Fico
roberto.fico@camera.itfico_r@camera.it

Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza
 Sen. Ronzulli Liciacom.infanzia@camera.it

Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere
Sen. Valente Valeriacommissione.femminicidio@senato.it
Ill.mo Presidente Commissione Parlamentare di Inchiesta
sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare
che accolgono minori
On. Cavandoli Laura
com.affidominori@camera.it

Spett.le Garante Infanzia e Adolescenza Nazionale
Dott.ssa  Carla Garlatti
segreteria@garanteinfanzia.org

Spett.li Garanti Infanzia e Adolescenza Regionali
garanteinfanziaeadolescenza@consiglio.regione.lombardia.it
garante.infanzia@crabruzzo.it
garante.infanzia@cr.piemonte.it

Spett.le Centro nazionale di documentazione e analisi
per l’infanzia e l’adolescenza
cnda@minori.gov.it

DIRITTO DEI BAMBINI ALLA PROPRIA FAMIGLIA

Visto

– l’intervento fattivo della Garante Abruzzo Falivene per la proposta di legge nazionale istitutiva dell’Ispettorato delle Funzioni Sociali mirata a vigilanza e controllo in materia di affidamento, idoneità genitoriale e collocamento dei minori nelle strutture di accoglienza, in modo tale da consentire una adeguata funzione di protezione dei minori da parte dello Stato;

Vista

– la recente costituzione della Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori;

Visti

– Gli articoli 88 cpc e 50 del Codice Deontologico Forense;

– Il Codice Deontologico dell’Ordine Assistenti Sociali;

– Il Codice Deontologico dell’Ordine degli Psicologi Italiani;

– Il Codice Deontologico dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri;

Viste

– le notizie di segnalazioni inviate ai suddetti Ordini;

– le notizie di segnalazioni inviate alle Commissioni Parlamentari Infanzia Adolescenza, Femminicidio e di Inchiesta sulle attività connesse alle comunità di tipo familiare che accolgono minori;

– le notizie di denunce ed esposti presso le Procure della Repubblica;

– le segnalazioni di pratiche dilatorie che influiscono sul Procedimento Civile e Penale;

– l’impoverimento delle risorse familiari in conseguenza di malpractice diffusa e conosciuta;

– l’impatto sociale, emotivo, economico di proporzioni inaccettabili ed irreversibili;

– le segnalazioni di diverse figure professionali in conflitto di interesse in maniera diretta o trasversale;

Visto

– Il Programma P.I.P.P.I. di Intervento per la Prevenzione dell’Istituzionalizzazione;

Visto

– Il Progetto Aiutiamo i Bambini e le Famiglie a Casa Loro #aiutiamoliacasaloro;

Vista

– la Legge 77/2003 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sull’esercizio dei diritti dei fanciulli;

Viste e considerate

le indicibili sofferenze unite a maltrattamenti psicofisici patiti e subiti dal minore in seguito agli allontanamenti e collocamenti etero-familiari strumentali ed evitabili;

il sottoscritto in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

CHIEDE

Quali azioni e misure di contrasto, le Istituzioni preposte alla TUTELA e GARANZIA del MINORE, intendono sviluppare per arginare e sopprimere l’eventuale POSSIBILITÀ da parte di alcuni:

PSICOLOGI, PSICHIATRI e altri professionisti nel ruolo  GIUDICI ONORARI,

PSICOLOGI, PSICHIATRI e altri professionisti nel ruolo di CTU e CTP,

PSICHIATRI che si occupano di minori,

PSICOLOGI che si occupano di minori,

AVVOCATI,

SERVIZI SOCIALI,

COORDINATORI ed EDUCATORI di COMUNITÀ

di ricorrere al FALSO, STRUMENTALE ed IDEOLOGICO, e al FALSO per INDUZIONE, laddove contenuto in atti, ricorsi, memorie, dichiarazioni e relazioni, indirizzate al Tribunale nelle questioni separative, di affido, di collocamento e di tutela dei minori.

Ringraziando per l’attenzione, porgo cordiali saluti.

Diritto di crescere IN Famiglia