Al momento stai visualizzando 198 bombe a mano contro la Psichiatria in Italia
Fiera Più Libri Più Liberi Roma

198 bombe a mano contro la Psichiatria in Italia

In occasione della presenza del libro di Vincenza Palmieri alla Fiera “Più Libri Più Liberi” riproponiamo un articolo sempre attuale perché come dicevamo al tempo erano 198 pagine destinate a diventare un best seller.
Oggi è il momento di riportare a casa i bambini strappati alle famiglie.

Roma. Era il lontano 2003 quando l’allora Ministro della Giustizia Roberto Castelli proponeva l’abolizione dei Tribunali per i minorenni, il trasferimento delle loro competenze ai tribunali ordinari con l’istituzione di sezioni specializzate in ogni tribunale, oltre all’abolizione dei consulenti esterni[1]. Con la riforma, inoltre, si voleva introdurre, nei processi con minori, anche il rispetto del principio del contraddittorio, che mancava in questo tribunale.

La proposta suscitò la dura reazione della magistratura che si sentiva, a mio avviso ingiustamente, attaccata. Alla fine la riforma non passò.

Quello che sfuggì a molti osservatori era che in Italia la psichiatria, dopo essersi leccata le ferite provocate dalla riforma Basaglia, stava tornando ad infiltrarsi nel tessuto sociale favorita da alcune normative a prima vista innocue. Ad esempio, gli esiti di un piccolo comma di una legge che apparentemente non aveva nulla a che fare con la psichiatria, la legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali 328/2000[2]. Questa piccola clausola, oggi in Italia, colpisce milioni di persone e famiglie con un giro d’affari che, solo per la tutela dei minori, sfiora i 5 miliardi di euro: parlo della privatizzazione dei servizi sociali territoriali.

Io credo che forse questa riforma avrebbe potuto porre fine allo scandalo del Forteto[3], prevenire le tragedie dei Diavoli della Bassa Modenese[4] e dell’inchiesta Angeli e Demoni di Bibbiano[5], per citare alcuni casi. E, chissà, si sarebbe potuto evitare anche lo scandalo dei circa 40.000 bambini strappati alle famiglie, su cui si è espresso persino il Comitato per i Diritti del Fanciullo (CRC) delle Nazioni Unite[6].

Mi occupo da più di 10 anni di violazioni dei diritti dei bambini commessi proprio dal sistema che dovrebbe proteggere i bambini. In alcuni casi, sotto l’influenza di alcuni “santoni” psichiatrici e associazioni di stampo psichiatrico, il sistema di tutela dei bambini finisce per essere uno strumento di sopraffazione e disgregazione delle famiglie. In questi anni abbiano ricevuto più di mille segnalazioni da genitori e famiglie italiane, gran parte delle quali rivelatesi fondate, e abbiamo contribuito direttamente a liberare e/o salvare dalla sottrazione centinaia di bambini.

Lavorando sul campo, a diretto contatto con le vittime, ho avuto l’onore e il privilegio di incontrare e conoscere la Professoressa Vincenza Palmieri. La Professoressa ha scritto molti libri per denunciare queste violazioni dei diritti dei bambini, ma ritengo che quest’ultimo libro sia destinato a diventare un testo fondamentale in questo ambito.

A mio avviso, quest’opera a cui come Sezione Ricerche e Statistiche del Dipartimento Tutela Minori abbiamo avuto l’onore di contribuire, è una pietra miliare. Chi si occupa di tutelare i bambini e di garantire il rispetto dei diritti dei bambini dovrebbe leggerlo perché solo con la conoscenza sarà possibile porre fine agli abusi commessi sui bambini in Italia da chi, formalmente, sarebbe deputato a proteggerli.

Ribadendo la necessità della lettura di questo libro, termino questo mio umile scritto con le parole della Professoressa Palmieri: “A partire dalla Riforma Basaglia – che chiuse i manicomi – quarant’anni di storia italiana attraverso l’analisi delle tendenze normative e sociali; fino ad arrivare ai recentissimi fatti di cronaca del Covid-19, che dimostrano come ancora oggi taluni strumenti legislativi, economici, diagnostici e terapeutici si tramutino in armi, al servizio di un sistema che vede in bambini, famiglie e persone fragili, anziché soggetti da tutelare, occasioni da mettere a profitto. Gli ultimi 40 anni di Storia Italiana visti con gli occhi e con l’Impegno di chi non si è limitato esclusivamente alla teoria scientifica, ma ha fatto il lavoro sul campo, con le mani della Solidarietà verso una unica direzione: i Diritti Umani e i Diritti dei Bambini.”

Paolo Roat

[1]https://www.repubblica.it/…/riform…/riformacastelli.html Minorenni ai tribunali ordinari – ecco la riforma di Castelli

[2]https://www.gazzettaufficiale.it/…/2000/11/13/000G0369/sg

[3]http://www.consiglio.regione.toscana.it/…/evi512.pdf Commissione d’Inchiesta – Individuazione e analisi delle responsabilità politiche e istituzionali relativamente alla vicenda Il Forteto

[4]https://lab.gedidigital.it/repubblica/2017/veleno/ Veleno. Il paese dei bambini perduti

[5]https://www.ilgiornalepopolare.it/bibbiano-per-non…/ Bibbiano per non dimenticare

[6]https://tbinternet.ohchr.org/_layouts/15/treatybodyexternal/Download.aspx?symbolno=CRC%2fC%2fITA%2fCO%2f5-6&Lang=en 
Traduzione in italiano https://www.ccdu.org/…/CRC_C_ITA_CO_5-6_33815_E-EN-IT.pdf